Giovanni Falcone

Il 23 Maggio 1992 la mafia uccideva Giovanni Falcone, la moglie e la sua scorta.
Quindici anni dopo, la mafia è viva e vegeta.
Un anno prima, durante la trasmissione Samarcanda di Costanzo-Santoro, Toto’ Cuffaro, oggi Presidente della Regione Sardegna ed uomo di punta dell’UDC, attaccava Falcone.

CorriereFalcone

Il 23 Maggio 1992 la mafia uccideva Giovanni Falcone, la moglie e la sua scorta.
Quindici anni dopo, la mafia è viva e vegeta.
Protetta dal silenzio della politica.
La Sicilia è governata da persone indegne di ricoprire il loro ruolo.

Un anno prima, durante la trasmissione Samarcanda di Costanzo-Santoro, Toto’ Cuffaro, oggi Presidente della Regione Sicilia ed uomo di punta dell’UDC, attaccava Falcone.
Tanto per ricordarci chi sono i buoni e chi sono i cattivi.

Luca

8 thoughts on “Giovanni Falcone”

  1. pinoscaccia fa un’analisi opposta. anche se sono costretto a malincuore a pensarla esattamente come te (in merito alla potenza della mafia: sui nomi, non mi intrometto. per rispetto, sospetto e paura)

  2. Non capisco su quali basi Pino Scaccia possa dire che i nuovi picciotti non abbiano la capacità degli agganci alti. Per una volta non sono d’accordo con lui.
    Basta guardare chi è il Governatore della Sicilia…

  3. Cuffaro purtroppo è il presidente (e io lo scriverei solo in minuscolo…) della Regione Sicilia e non della Sardegna. Ma se i sardi lo vogliono io lo manderei volentieri li.. e non vorrei neanche nulla in cambio!!!

  4. La mia memoria aveva completamente rimosso l’intervento di quell’invasato. Sapere di essere un siciliano diverso da quello lì e da quelli lì, purtroppo non serve a lenire il senso di vergogna, di frustrazione, di impotenza che mi accompagna da tempo ormai. E sentire il Presidente della Repubblica fare stanchi appelli cui neppure lui crede, non aiuta nemmeno un po’.
    Ad ogni modo, grazie per il ricordo.
    Saluti,
    TFM

  5. io non vedo l’ ora che tutta la mafia, da quella politica a quella della strada finisca, basta mafia.
    Per quanto riguarda il giudice Falcone e Borsellino, credo che sono stati due signori che stavano per migliorare la storia dell’ intera italia e non della sicilia solamente e per questo sono stati uccisi perchè la classe dirigenziale non li ha nemmeno protetti nel loro operato, spero che ci siano altre persone come loro che facciano quello che è giusto fare, raccontiamo ai nostri figli, amici, nipoti parenti, quello che e successo tempo fa per non far dimenticare quell orrore che e successo., perchè solo raccontando e facendo rivivere quei momenti si tiene sempre impressa cosa vuol dire la parola MAFIA!

  6. ragazzi io sono convinto che nn sia un caso che qualche pagliaccio faccia dichiarazioni contro falcone in tv e dopo la sua morte sia nominato presidente della regione sicilia e’ veramente una vergogna

Comments are closed.