Certe ali nere

Qualche minuto fa ero impegnato a maledire un aereo da guerra che ha sorvolato il mio ufficio ad un’altezza sicuramente troppo bassa.
Il rumore che produce ti impedisce, per alcuni secondi, ti sentire nient’altro.
E’ terribile.
E succede spesso.
Giocano alla guerra, infischiandosene di sorvolare i centri abitati.
Dopo aver terminato di imprecare mi è venuta in mente una canzone di Fossati.
Forse una delle più belle tra quelle che ha scritto.
Si chiama Sigonella.

Qualche minuto fa ero impegnato a maledire un aereo da guerra che ha sorvolato il mio ufficio ad un’altezza sicuramente troppo bassa.
Il rumore che produce ti impedisce, per alcuni secondi, ti sentire nient’altro.
E’ terribile.

E succede spesso.
Giocano alla guerra, infischiandosene di sorvolare i centri abitati.

Dopo aver terminato di imprecare mi è venuta in mente una canzone di Fossati.
Forse una delle più belle tra quelle che ha scritto.
Si chiama Sigonella.

Mi piacciono tanto gli aeroplani
quando alzano il muso da terra
non mi hanno mai fatto paura
solo certe ali nere
di certe macchine per la guerra
mi fanno chiudere ancora gli occhi
e ancora il cuore.

Senti cosa ti scrivo amore
che non c’è profumo di melograno
e non c’è arancio che sia veramente in fiore
che tutta l’isola è un vulcano
dove non passa la paura
come da noi cambia una stagione.

Qui passano gli aeroplani
è di notte che li senti
quando non puoi dormire
qui se accendessero le luci
e riabbassassero le luci
ci troverebbero tutti in piedi
con gli occhi aperti qui. […]

Luca

7 thoughts on “Certe ali nere”

  1. avendo origini e casa di famiglia a Montieri (5 km sopra San Galgano), ho sentito passare gli aerei da guerra fin da quando ero bimbo (erano ancora gli f-104…)… ricordo il viso di mia madre, che non si è mai abituata a quel rumore che troppo le ricordava i bombardamenti della guerra (di cui ricordava inconsciamente rumori e conseguenze, essendo nata a guerra già iniziata)… non posso che capirti dunque…

Comments are closed.