Vicenza non è Genova

Domani a Vicenza ci sarà la manifestazione per protestare contro l’allargamento della base americana.
Proprio nella settimana dell’arresto delle nuove BR.
Le due cose non hanno niente a che vedere l’una con l’altra.
Ma in questo momento di isteria della politica, tutto può tornare utile per denigrare l’avversario. Pardon, il nemico.

C’è già chi prevede una nuova Genova.
Tanto per non portar male…

Il richiamo a Genova non vorrei che fosse stato fatto per dare un segnale alle forze dell’ordine.
Non lo voglio credere.

Credo che a Vicenza ci sarà una manifestazione per protestare contro un’inutile atto di prepotenza dei governi italiano ed americano.
Ci saranno alcune persone che vorranno ricordare ai governanti che non si possono sempre prendere decisioni alle spalle della gente.
Se ingrandisco una base militare che sorge vicino ad una città, sarebbe utile sentire cosa pensano gli abitanti di quella città.

Alla manifestazione ci saranno anche i soliti cretini dei 10, 100, 1000 Nassirya o del liberate i compagni brigatisti.
Politici intelligenti ed amanti del proprio paese farebbero di tutto per non ascoltarli e per isolarli.
Ma ho detto intelligenti ed amanti del proprio paese riferendomi ai politici italiani.
Errore.
Come sempre i cretini saranno strumentalizzati.
Da altri cretini.

Luca

4 thoughts on “Vicenza non è Genova”

  1. Sono d’accordo con te sul discorso che come sempre ci saranno cretini che strumentalizzeranno gesti di altri cretini, ma sono altrettanto convinto che Genova ha una sua radice, davvero scura e che Vicenza parte più o meno con lo stesso piglio.
    Voglio dire che se mai mi capitasse di essere fermamente convinto che si stesse attuando una cosa non giusta da parte di un governo o chicchessia mai mi verrebbe in mente di assaltare una campagnola dei carabinieri con un passamontagna e un estintore in mano…riflettiamo!

  2. Hai perfettamente ragione.
    A mente fredda quasi nessuna assalterebbe una campagnola dei carabinieri.
    A Genova però il clima non era proprio quello giusto per riuscire a prendere decisioni a mente fredda.
    Vicenza non sarà la stessa cosa. Mi auguro.

  3. Ok. Non strumentalizziamo. Ma il fatto che siano stati arrestati in questo periodo non è un caso. I ministri, i questori, i procuratori, i generali, i direttori dei giornali… Si conoscono, si incontrano, si parlano, decidono assieme.

  4. Scusa, ma non ci credo.
    Io sono dietrologo, ma tu esageri.
    Non credo che ci sia un accordo segreto tra tutta la classe dirigente italiana.
    Tanto la base a Vicenza verrà allargata e tra due mesi nessuno dirà più niente. Non c’è bisogno di inscenare una recita come quella che tu immagini.

Comments are closed.