Quella iena di D’Alema

Ieri sera mi sono guardato Le Iene.
Tra un servizio e l’altro viene mandata in onda un intervista a D’Alema.
Quella faccia di palta di Alessandro Sortino si è presentato davanti al Presidente DS con in mano un’intervista dell’Agosto 2005 ed il bianchetto. In quell’intervista D’Alema dava il suo ufficioso benestare all’operazione UnipolBNL. Sortino ha chiesto a D’Alema di cancellare insieme a lui le affermazioni che oggi, alla luce delle inchieste giudiziarie, appaiono quantomeno improvvide.

D’Alema, con la sua consueta umiltà, non ha ceduto nemmeno di un millimetro, facendo finta di essere totalmente estraneo alle scelte di Giovanni Consorte.
Ma la cosa più soprendente è che ha ritenuto possibile che i circa 100 miliardi intascati dal manager Unipol siano stati un compenso ricevuto da Gnutti per una consulenza sulla scalata a Telecom.

Caro Presidente D’Alema,
le persone che lei si trova davanti non sono tutte decelebrate.
Non siamo tutti disposti a credere alle sue fandonie.
Non è nemmeno lontanamente ipotizzabile che qualcuno riceva 50 milioni di euro come compenso per una consulenza.
Non provi più a farcelo credere.
Quei soldi sono una bustarella intascata da Consorte.
Anche se la magistratura non riuscisse a dimostrarlo.
Non potete pensare di farci credere quello che volete.
Sarebbe bene che riprendeste in mano la questione morale.
O forse sarebbe meglio che andaste a ricercarla la vostra moralità.
Sotto quel cumulo di merda e di soldi nel quale sguazzate.

Altro che con il naso tappato…
Ad aprile tocca andare a votare con la maschera antigas.

Luca

8 thoughts on “Quella iena di D’Alema”

  1. Nella stessa serata mi sono piacevolmente guardato il Prof ospite di Porta a Porta e dopo la trasmissione mi sono addormentato serenamente xchè finalmente ho sentito esporre un programma. Prodi mi ha dato un pò di fiducia xchè mi è sembarato convinto e convincente…
    Dal tuo racconto però sono sconcertato nel vedere come coloro che fecero fallire il governo Ulivista siano sempre qui a romperci le balle: come può “riuscire” Prodi da solo contro tutti?

    Sigh… Mi viene un pò da piangere!!!

  2. Sinceramente il Prof è per me uno degli scogli più difficili da superare, già ho la piaga dei socialisti… sarà la croce più dura che abbia mai messo

  3. Credo che Prodi, se anche vincesse, sia condannato ad avere vita breve.
    Per i radicali, beh Uriele, siete già riusciti a litigare con Rutelli…

  4. Probabilmente vincerà, ma anch’io ho questo forte dubbio sulla stabilità di questa vittoria…
    So che hanno litigato, ma non so perchè (voci da studio aperto, aspettando lupin, quindi non proprio notizie), sono un po’ fuori dal mondo in questa settimana. Cmq te l’ho detto: una voce da tenere in considerazione, ma non ancora un gruppa da governo…

  5. penso che massimo intendesse sottolineare che si scrive “deceREbrate” e non “deceLEbrate” (che non vuol dire na mazza in italaliano)

Comments are closed.