La distanza della politica

Mi affaccio alla finestra ed osservo il carrozzone della politica allontanarsi da me.
Non riesco a seguirlo. Prende strade che non posso o non voglio percorrere.

Sbaglia Fassino a dire che non c’è una questione morale sui DS.
La questione morale c’è e gli elettori del centro-sinistra meno inquadrati la percepiscono tutta.
Perché Fassino ha detto a Consorte: “Allora siamo proprietari di una banca?“.
Perché Consorte ha ricevuto da Gnutti 50 milioni di euro?
Qualcuno in Italia crede alla storia che questi 100 (!) miliardi siano i compensi per delle consulenze?
Alla faccia delle consulenze!
Fassino e il grande burattinaio con i baffi (D’Alema) si sono voluti liberare troppo velocemente di questa storia.

Sull’altro fronte assistiamo alla solita pagliacciata del berlusca, che si è trasformato in moralizzatore.
Il cavaliere ha costruito il suo impero grazie alle bustarelle date ai politici di allora e grazie alle bustarelle date ai giudici per comprare le sentenze.
E’ l’imperatore dei ladri. Non avrebbe nessun diritto di fare il moralizzatore.
Ma lo fa. Rendendosi ridicolo.

Io, intanto, continuo a guardare il carrozzone della politica.
Ormai ha già girato l’angolo.

Luca