Poveri amici del Sing Sing

Leggo oggi su un quotidiano locale e su internet che un circolo musicale, del quale sono socio, è stato condannato a pagare 850.000 € di multa ad alcune case discografiche, in quanto è stato ritenuto colpevole di noleggiare CD.
I CD in realtà non venivano noleggiati, ma solamente prestati ai soci del circolo. Che in quanto soci possono utilizzare i beni comuni.
Una riflessione ulteriore andrebbe anche fatta, perché non si capisce come mai si possano noleggiare VHS e DVD e non CD musicali…

Ma la riflessione più grande andrebbe fatta sulla legge sul diritto di autore, perché non si può continuare a vietare la condivisione della conoscenza e della cultura.
Si continua a fare la guerra al povero malcapitato di turno per cercare di fermare un fiume in piena non controllabile, quello del peer to peer.

Non si può evitare che la gente condivida la propria musica.
Sarebbe come proibire che due amici si scambiassero un libro.

Luca