Alla fine Ciro, il blogger di Milano, si è ucciso davvero

A volte la rete diventa veicolo di storie di una tristezza micidiale, acuita dal fatto che queste storie vengono lette da tante persone.
Questa è la storia di Ciro, un ragazzo di 26 anni, che alcuni mesi fa aveva aperto il blog primadipartire nel quale dichiarava di volersi suicidare e che lo avrebbe fatto il 20 luglio 2005.

Se avete tempo di leggere il blog, troverete spaccati di solitudine terrificanti… Ci sono tanti che rispondono a Ciro dicendo di condividere il suo progetto, dando consigli su come attuarlo.
Ciro questi consigli li ha ascoltati, tanto che si è suicidato gettandosi da un ponte, utilizzando una sedia pieghevole per scavalcare il parapetto, come gli aveva consigliato un lettore del suo blog.

Ciro ha studiato tutto alla perfezione… Ha lasciato nel suo blog dei messaggi che si pubblicheranno nelle prossime ore, giorni…
Ed ha anticipato i tempi, perché si è suicidato il 10 e non il 20 Luglio.
L’anno scorso, il 10 Luglio, un suo amico si uccise gettandosi dallo stesso ponte.
Leggere quel blog fa sentire freddo.

Luca

5 thoughts on “Alla fine Ciro, il blogger di Milano, si è ucciso davvero”

  1. Purtroppo l’ho letto anche io. Ssono d’accordo con te. Leggere questo blog e certi commenti mette addosso tanta tristezza.

    un saluto

  2. Non ti conosco, é la prima volta che metto piede qui e spero tu non sia sempre così superficiale, più che altro perché ho visto dall’aboutme che hai un figlio.

    Leggere questo tuo post mi ha fatto sentire molto più freddo di qualsiasi cosa lasciata scritta da Ciro Milani. Più che chiedermi perché ha voluto andarsene lui, mi chiedo come fai a tirare avanti tu. La risposta deve essere triste, ma stavolta per davvero.

  3. @Paolo: Non capisco dove sia la superficialità che tu dici. E’ un post in cui viene fatta una piccola cronaca, in cui alla fine chi, lo ha scritto, descrive quale è stata la sua sensazione in merito.
    Superficaiale è, giudicare in modo frettoloso le sensazioni altrui.
    Per quanto riguarda la tua domanda finale, tralascio per non rischiare di cadere in un banle e superficiale giudizio della tua persona.

    Comunque ce la fa bene, vero Luca?

Comments are closed.