Referendum

Si avvicina il giorno del Referendum sulla procreazione assistita.
Le polemiche infuriano.
La chiesa italiana si è schierata chiaramente per l’astensione. Manteniamo la legge attuale. Meglio di niente.

Il papa appoggia la posizione della CEI, pur non avendo parlato apertamente di astensione.
I bravi cattolici non vanno a votare.

Io probabilmente andrò a votare. E voterò quattro NO.
Non accetto che qualcuno mi chieda di non esprimere la mia opinione.
Non mi piace che non sia stato detto chiaramente che l’astensione è stata scelta per cercare di bloccare il quorum. Si dice che ci asteniamo perché la vita non può essere messa ai voti.

Stronzate. Perché in realtà il 12 Giugno la vita sarà messa ai voti.
E tanti cattolici non andranno a votare. Salvo scoprire, il giorno dopo, che la loro astensione ha fatto vincere il SI.

E allora voglio vedere chi avrà avuto ragione.
Non si può nascondere la testa sotto la sabbia.

Restano i dubbi… Faccio la cosa giusta? Come cristiano è giusto scegliere di non seguire i consigli della CEI?
Non lo so.
Ma non voglio rinunciare a dire la mia. Non mi piacciano i trucchetti. Non si può portare via la palla per non giocare la partita.

Vorrei piuttosto capire perché non siamo ancora riusciti a convincerci e a convincere che l’embrione deve essere considerato una persona. Finché non ci sarà questa sensibilità, difficilmente riusciremo a proteggere gli embrioni.
Nemmeno imponendolo con le leggi. Che però è giusto che ci siano.

Luca