whats_in_your_mind

Le meravigliose vite degli altri su Facebook

Se è vero, come sempre ci hanno raccontato, che la vita è tanto dura, allora perché le vite degli altri su Facebook sembrano essere tanto splendide?
Possibile che tutti mangino cose buonissime, facciano viaggi da sogno, siano amati in modo incondizionato da tutti quelli che li circondano?

Forse le vite che vediamo scorrere sui nostri newsfeed sono soltanto una rappresentazione della vita che le persone vorrebbero.
Forse su Facebook sembrano tutti felici semplicemente perché non li conosciamo abbastanza per poter cogliere la loro infelicità.

Il regista Shaun Higton ha realizzato un corto che parla di questo.
E lo fa in modo molto efficace.

Luca

migranti

Le camicie sporche di sangue

Andrea Sarubbi, ex deputato del PD, che lavorò molto sui temi dell’immigrazione, scrive una riflessione che parte da un commento sulle parole di Salvini, segretario della Lega, che ha accusato il governo Renzi per l’ennesima tragedia avvenuta nei nostri mari.
Come spiega bene Sarubbi, i migranti hanno ripreso ad arrivare perché la Libia non li ferma più.

Tra quel governo Berlusconi, in cui la Lega giocava un ruolo fondamentale, e questo governo Renzi, in cui il Carroccio è invece all’opposizione, sull’altra sponda del Mediterraneo sono successe parecchie cose. La più rilevante è la rivoluzione in Libia, che ha tolto di mezzo Gheddafi: venuto meno il suo sistema di lager per i migranti senza rispetto delle convenzioni internazionali, l’Italia ha perso la sponda sanguinolenta su cui aveva costruito l’equilibrio per parecchi anni. Ma quel cambiamento che poteva e doveva essere un bene, soprattutto per il rispetto dei diritti umani, ha invece prodotto caos: e così – come ha ammesso più volte la ministra Pinotti, riferendo in Parlamento sull’operazione Mare Nostrum – l’Italia si è ritrovata senza un interlocutore e ha dovuto fare da sola. Riuscendo solo in parte a fermare gli scafisti e a salvare le vite dei migranti, e comunque fallendo sul fronte della deterrenza.

Rimpiangere il trattato con la Libia, voluto da Forza Italia e dalla Lega, significa però non avere ben chiaro quale fosse il trattamento riservato da Gheddafi a chi voleva partire per le nostre coste.
Forse però in Europa qualcosa sta cambiando.

In realtà, di interlocutori ce ne mancano almeno un paio: uno è appunto la Libia – ma c’è da chiedersi, anziché rimpiangere Gheddafi e il nefasto Trattato di amicizia, se il metodo “lontano dagli occhi, lontano dal cuore” fosse degno di un Paese democratico come il nostro – e un altro è l’Europa, che solo negli ultimi mesi sta prendendo coscienza del problema. Il merito non è di Renzi, né di Letta, né di Monti, né di Berlusconi, ma da un lato di tutti coloro che – parlamentari europei compresi – si sono battuti per la modifica (parziale, purtroppo) del regolamento di Dublino, dall’altro dell’avvicinarsi del semestre europeo: è proprio oggi, con l’Italia alla guida dell’Unione, che comincia davvero la nostra partita, e abbiamo 6 mesi di tempo per chiuderla bene.

Il problema politico è sempre lo stesso. Affrontare il problema dell’immigrazione, in un momento di crisi economica, può soltanto creare problemi di consenso per i governi. Anche per questo l’impegno della Commissione Europea può essere una stampella indispensabile.

Non è corretto dire che abbiamo portato da soli, finora, tutto il peso delle migrazioni: ne sanno qualcosa i partner europei che durante gli anni Novanta hanno aperto le porte, più di noi, ai richiedenti asilo dei Balcani. È innegabile, però, che lo sforzo operativo nel Mediterraneo sia oggi quasi tutto sulle nostre spalle, complice l’inaffidabilità dell’agenzia Frontex (che ci dà gli spiccioli, anche a livello economico) e la resistenza degli altri governi nel mettere in agenda un tema così poco popolare sul fronte del consenso. Il fatto che il neopresidente Juncker stia pensando a un commissario apposito è certamente buon segno, e lo sarebbe ancora di più se questo commissario per le migrazioni fosse italiano.

Affrontare insieme il problema dell’immigrazione per salvaguardare i diritti dei migranti e quelli dei cittadini, specialmente quelli di frontiera.

Luca

belinelli_spurs

Quel pezzo di tricolore sul podio delle finali NBA

Fa molto piacere che in una delle più forti squadre di basket degli ultimi anni abbia dato il suo contributo anche un giocatore italiano, Marco Belinelli, partito per gli USA come il più scarso della pattuglia italiana e dimostratosi l’unico in grado di competere a quel livello.

Ha giocato poco durante le finali, ma quando è stato messo in campo non si è mai tirato indietro, ha preso i tiri che doveva prendersi ed ha avuto un impatto sicuramente positivo.

Gli Spurs 2014 sono una squadra che gioca un basket fantastico e vedere quel tricolore sul podio, in un momento nel quale il basket italiano sta auto-implodendo, ci ha restituito un po’ d’orgoglio.
Manu Ginobili e Marco Belinelli, campioni NBA 2014, ci hanno ricordato cosa si stato il basket in Italia.

Bravo Marco.

Luca

corradino_mineo

Corradino Mineo, Civati ed un paese che non può rimanere bloccato

Sarebbe fin troppo facile giudicare l’iniziativa politica di Corradino Mineo dalla fine, cioè dalla disgraziata scivolata con la quale ha paragonato Matteo Renzi ad un bambino autistico.
Sarebbe facile, perché viene da pensare che se un politico, per attaccare un suo avversario, scende così in basso da irridere i bambini disabili e le loro famiglie, allora probabilmente tutto quello che quel politico ha da dire e da proporre non vale niente.

Ma voglio considerare quella di Mineo una disgraziata scivolata che, in alcuni casi, ci può anche stare. Le sue scuse, pur se obbligate, ci devono far guardare oltre.
E se guardo oltre, pur non considerando la chiusura della vicenda, a me sembra che Corradino Mineo abbia comunque torto.

Perché se tutti gli organismi decisionali di un partito decidono di seguire una certa linea, che è quella di portare avanti in parlamento alcune riforme, se quel partito alle ultime consultazioni elettorali stravince ogni oltre previsione, avendo di fatto ottenuto un mandato dai suoi elettori di proseguire nella strada intrapresa, allora non è possibile che un parlamentare di quello stesso partito decida di fare ostruzionismo in commissione contro quelle stesse riforme, rischiando di farle fallire ancor prima di arrivare alla discussione in parlamento.

L’Italia è un paese bloccato da decenni a causa degli ostruzionismi messi in atto dalle minoranze.
Sarebbe anche arrivato il momento di finirla.

Bene ha fatto il gruppo parlamentare del PD a sostituire Mineo.
Ivan Scalfarotto spiega bene il perché della scelta:

Il tema è: si può sostituire un senatore perché la pensa diversamente dal gruppo? La risposta è: non è bello, ma lo si può fare. Lo si può fare perché in un partito esiste un principio maggioritario e una libertà di coscienza. Ma se la seconda può certamente limitare il primo, di certo non può cancellarlo.

Dispiace, ancora una volta, che Pippo Civati, pur di andare contro Matteo Renzi, abbia deciso di sposare la linea perdente di Corradino Mineo.
Aver pubblicato le sue scuse per la gaffe sui bambini autistici, appare la dimostrazione dell’ennesima scelta sbagliata fatta da Civati.
Che nell’ultimo anno non ne ha azzeccata una che sia una.

Quel video infarcito di risatine e di alzate di spalle in cui Civati appare a fianco di Mineo che, oltre a paragonare Renzi ad un bambino autistico, fa dichiarazioni sessiste contro la Ministra Boschi, è una macchia nella storia politica di Civati che è un uomo distante anni luce da Mineo, ma con il quale si trova costretto a percorrere un pezzo di strada pur di andare contro il suo ex-amico.

Luca