Non è la rete ad essere cattiva, siamo noi ignoranti e spietati

Non voglio riprendere frasi abusate, il dito e la luna, non è il mezzo, ma l’uso che se ne fa, etc, etc…
Non voglio nemmeno fermarmi al caso singolo di una ragazza che si uccide dopo essere diventata ingenuamente il bersaglio di una campagna di odio.
Se una persona si uccide, lo fa certamente per tutta una serie di motivazioni, probabilmente per un malessere così profondo che nemmeno un filmino hard può bastare a giustificarlo.

Questa storia porta però allo scoperto un problema che non è nuovo e che è particolarmente urgente nel nostro paese, dove tutti giriamo tutto il giorno con un dispositivo in mano, condividiamo foto, video e contenuti più disparati nella più beata ignoranza dei mezzi che stiamo utilizzando.

Quando inviamo un contenuto anche ad una sola persona dobbiamo sapere che quella persona potrebbe, volontariamente o meno, girarla ad un’altra persona ancora e questa catena è potenzialmente infinita ed inarrestabile.
Quel contenuto, nel momento stesso in cui finirà sul telefonino di un’altra persona, verrà con buona probabilità salvato anche su cloud, dove ormai vengono archiviati tutti i contenuti (a meno di non disabilitare questa funzione, ma ben pochi lo fanno).

Cosa significa questo?
Significa che se io oggi mando su WhatsApp alla mia ragazza una nostro foto intima e che poniamo sia io che lei domani la cancelleremo, quella foto sarà con buona probabilità già stata archiviata chissà dove sia nel mio archivio cloud che in quello della mia ragazza.
Anche se prendessimo i nostri due telefoni e li buttassimo, quella foto ricomparirà anche sui nostri due nuovi telefoni (a meno di non cambiare account, ma non stiamo a sottilizzare).
In più quella foto, archiviata chissà dove, sarà materialmente presente su un server che potrebbe essere violato fraudolentemente da qualcuno e sempre quella maledettissima foto potrebbe ricomparire all’interno di qualche archivio pubblicato online (ricordate le foto intime rubate ad alcune star?).

Poi, ovviamente, io e la mia ragazza ci potremmo lasciare, e quella foto potrebbe diventare il mezzo utilizzato da uno di noi per portare avanti la sua vendetta.

A tutto questo aggiungete poi il cinismo delle persone, che davanti ad uno schermo di un telefonino, un po’ come quando sono al volante di una macchina, sembrano perdere del tutto la loro capacità di sviluppare empatia verso gli altri.
Molti di noi sono cattivi, lo siamo forse un po’ tutti, ma nella vita reale non ci permetteremmo mai di rivolgergi agli altri come facciamo quando commentiamo qualcosa su di un social network.

E quindi, che facciamo, usciamo da tutti i social network?
È una possibilità, ma non risolverebbe il problema.
L’unica soluzione sarebbe quella di iniziare ad utilizzare i mezzi tecnologici con consapevolezza, imparando a capirne i rischi.
Una volta che inviamo un contenuto a qualcuno, dobbiamo essere consapevoli che quel contenuto potrebbe rimanere sulla rete in eterno, anche contro la nostra volontà.
Se prendiamo parte ad una catena, dobbiamo sapere che potremmo contribuire a rovinare la vita di un’altra persona.
E se questa persona è molto giovane, magari adolescente, le conseguenze potrebbero essere tremende.

In questi giorni ho sentito poche persone aver chiesto scusa per aver portato avanti la diffusione del video hard della ragazza che si è uccisa.
È sempre colpa di qualcun altro, di chi ha iniziato la catena, della ragazza che ha girato il video, della RETE.

Io credo che sia un po’ colpa di tutti quelli che in un momento qualsiasi hanno preso parte a quella catena, facendo in modo che la marea montasse e diventasse sempre più inarrestabile.

Perché a monte di tutte queste noiose disquisizioni tecniche, ci sarebbe poi l’animo umano.
Se provassimo tutti ad essere meno cattivi con gli altri, ecco questa potrebbe essere un’ottima idea.
Non la soluzione, ma certamente un’ottima idea.

Luca

Foto | cyberbully

Genova, Luglio, 15 anni fa

Il 20 Luglio 2001 è stato il giorno in cui la generazione di quelli nati negli anni settanta ha perso la sua innocenza.
In un giorno abbiamo aperto gli occhi su quello che il potere può fare contro i suoi stessi cittadini.
In un giorno soltanto abbiamo capito cosa fosse stata la Strategia della Tensione nell’Italia degli anni di piombo.

Furono giornate tremende che non potrò dimenticare.
Eppure, oggi, quando ancora ne parli, capisci che quella strategia in parte funzionò.
In molti sottovalutano Genova, la giustificano, l’hanno dimenticata.

carlo giuliani

Due mesi dopo Genova arrivò l’undici settembre e tutto cambiò.
Lo raccontò alcuni anni fa Nick Davies in un suo reportage pubblicato sul Guardian e tradotto su Internazionale.

Cinquantadue giorni dopo l’irruzione nella Diaz, diciannove uomini usarono degli aerei pieni di passeggeri per colpire al cuore le democrazie occidentali. Da quel momento, politici che non si definirebbero mai fascisti hanno autorizzato intercettazioni telefoniche a tappeto, controlli della posta elettronica, detenzioni senza processo, torture sistematiche sui detenuti e l’uccisione mirata di semplici sospetti, mentre la procedura dell’estradizione è stata sostituita dalla “consegna straordinaria” di prigionieri.

Questo non è il fascismo dei dittatori con gli stivali militari e la schiuma alla bocca. È il pragmatismo dei nuovi politici dall’aria simpatica. Ma il risultato appare molto simile. Genova ci dice che quando il potere si sente minacciato, lo stato di diritto può essere sospeso. Ovunque.

Genova e l’11 Settembre furono uniti da un sottile linea rossa che permise al potere di cambiare le nostre vite lasciandoci in gran parte inconsapevoli.

La notizia di ieri, con l’ennesimo rinvio all’approvazione di una legge che istituisca in Italia il reato di tortura, costituisce la triste coincidenza che ci ricorda quanto lo stato di diritto sia tornato indietro negli ultimi 15 anni.

Luca

Immagine (Reuters/Contrasto) | Internazionale

Umiltà

Nell’epoca del tutti che sanno tutto, del te lo faccio vedere io, dell’arroganza assurta a stile di vita, mi ha colpito molto il saluto che Simone Padoin, calciatore della Juventus, ha lasciato ai suoi tifosi tramite il profilo Instagram della moglie.

E GRAZIE a tutti i tifosi che in questi anni ci hanno fatto sentire il loro appoggio e personalmente mi hanno apprezzato nonostante le mie qualità mediocri per il livello Juventus ma che hanno capito che in ogni occasione ho cercato di onorare la maglia dando tutto me stesso: i vostri complimenti mi fanno provare sinceramente un po’ di vergogna perché penso di non meritarmeli e per questo vi sarò eternamente grato… Me ne vado via felice e con profonda soddisfazione e fierezza pensando di aver dato anche solo un briciolo di contributo a tutti i trionfi che abbiamo avuto la fortuna di avere in questi ultimi 5 anni… In poche parole GRAZIE JUVE !!!! Vi saluto tutti con grande affetto, facendovi un grande in bocca al lupo per il futuro…

Simone Padoin

Luca

Via | Il blog di Linus

Basterebbe guardarsi negli occhi per quattro minuti

C’è una teoria che dice che è sufficiente mettere due persone l’una davanti all’altra a guardarsi negli occhi per quattro minuti per far nascere un legame tra loro.

La sezione polacca di Amnesty International ha indetto una campagna dal titolo “Look Beyond Borders (guarda oltre i confini)” che ha promosso tramite il video che vedete qui sopra.

Alcuni rifugiati arrivati in Europa nell’ultimo anno sono stati fatti sedere per quattro minuti davanti ad un cittadino europeo.
Grandi imbarazzi, grandi pianti e finisce che molte barriere si rompono.

Luca

Giacinto, detto Marco

Chi muore ha sempre ragione.
Pannella era una persona che la ragione se la prendeva sempre per sé, figuriamoci se non gliela possiamo concedere in questi giorni.

Fa sorridere chi oggi manda messaggi di apprezzamento ad un politico che “anche se la pensava diversamente da me, ho comunque sempre rispettato la sua passione”.
Fa sorridere, perché a me pare difficile scindere Pannella dalle sue idee e dalle sue battaglie.
Pannella non sarebbe stato Pannella senza le sue idee così ben delineate e definite.
Solo che erano idee non incasellabili dentro una delle nostre banali convenzioni con cui siamo soliti suddividere la politica.
Pannella era di destra, era di sinistra, era di centro, era perfino cristiano in certe sue commoventi battaglie per la fame nel mondo o per i diritti delle minoranze religiose.

Per questo poi rimanevamo tutti sorpresi quando lo vedevamo una volta candidarsi con Berlusconi, la volta successiva con il centro-sinistra o la volta dopo ancora con i reduci dei socialisti.
Perché le battaglie di Pannella sono sempre state, se me lo concedete, extra-parlamentari.
Erano battaglie troppo alte e troppo universali per poter essere sbrigate nelle piccole, piccolissime attività di un parlamento abituato a non volgere mai lo sguardo più in là delle elezioni successive.

Io, pur non avendolo mai votato, sono sempre stato affascinato dal suo carisma, da quei suoi pensieri che potevi riuscire a districare soltanto dopo esserti fatto l’orecchio ad ascoltarlo nelle sue interminabili trasmissioni della domenica sera su Radio Radicale con Massimo Bordin.

Marco Pannella ha condotto battaglie sacrosante, molte giuste, alcune forse sbagliate, tutte però sempre rivolte alla sua idea di migliorare il mondo e di far star meglio le persone.

Giacinto, detto Marco era un pazzo egocentrico, megalomane come solo una persona con il suo carisma può essere.
Da anni non riuscivamo più a capirlo.
Troppe idee in quella testa, troppe cose da dire tutte insieme, tutte urgenti, tutte importanti.
Non aveva più tempo.

È stato sicuramente uno dei politici più belli che abbiamo avuto in Italia.

Se ne è andato in un modo splendido, accogliendo, nella cucina della sua mansarda romana, amici e compagni che in questi ultimi mesi sono passati a salutarlo.
Se ne è andato vivendo fino all’ultimo giorno la sua malattia, dopo che per 50 anni ci ha rotto le palle con l’eutanasia.
L’ho detto, le idee di Pannella non sono mai state incasellabili.

A casa di Marco #Pannella

A photo posted by Nomfup (@nomfup) on

Su Radio Radicale trovate un video che ne racconta tutta la storia.
Vi ho linkato qui sotto il punto in cui vengono mostrati alcuni minuti di un dibattito televisivo.
Era il 1983, con lui in studio c’erano Andreotti e Marianetti (prima CGIL, poi deputato socialista).

È un pezzo commovente.

Marco Pannella era un gigante.
Non ne vedremo più di politici come lui.

Luca